Area di consolidamento

Società consolidate

Il Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 include Fiat S.p.A. e 303 controllate consolidate con il metodo integrale, nelle quali Fiat S.p.A. detiene, direttamente o indirettamente, la maggioranza dei diritti di voto, sulle quali esercita il controllo o dalle quali è in grado di ottenere benefici in virtù del suo potere di governarne le politiche finanziarie ed operative.

Nel corso del 2013, non sono intervenute variazioni significative dell’area di consolidamento, si segnala tuttavia che:

  • dal 1° luglio 2013, il Gruppo, attraverso la sua controllata Fiat Group Automobiles S.p.A., ha acquisito il controllo totalitario del gruppo VM Motori, precedentemente ritenuto una joint venture consolidata con il metodo del patrimonio netto. Da tale data, il Gruppo Fiat ha pertanto consolidato con il metodo integrale il gruppo VM Motori;
  • dal mese di novembre 2013, la partecipazione nella controllata brasiliana, CMP Componentes e Modulos Plasticos Industria e Comercio Ltda, che, fin dalla data di acquisizione era stata classificata come destinata alla vendita, è stata integralmente consolidata a seguito di cambiamenti nei piani relativi alla sua cessione;
  • dal mese di dicembre 2013, le attività e passività di una società controllata dal segmento operativo Componenti (Fonderie du Poitou Fonte S.A.S.) sono state riclassificate tra le Attività e passività destinate alla vendita (Nota 22).

 Alcune controllate minori (dealer e società di servizi infragruppo) che generano un limitato volume d’affari sono state escluse dal consolidamento integrale e valutate secondo il metodo del patrimonio netto. L’incidenza delle loro attività, passività, e ricavi aggregati rispetto a quelli del Gruppo è irrilevante. Altre controllate minori che sono inattive, in liquidazione o che generano un limitato volume d’affari sono escluse dal consolidamento integrale e valutate al costo. Le attività e i ricavi aggregati di tali controllate minori al 31 dicembre 2013 ammontano entrambi allo 0,1% dei corrispondenti valori del Gruppo.

Le partecipazioni nelle imprese a controllo congiunto sono valutate secondo il metodo del patrimonio netto. I principali valori patrimoniali determinati sulla base della quota del Gruppo in tali società, prima delle elisioni, sono i seguenti:

(in milioni di euro)Al 31 dicembre 2013Al 31 dicembre 2012
Attività non correnti 1.730 1.984
Attività correnti 8.759 8.790
TOTALE ATTIVO 10.489 10.774
Debiti finanziari 7.686 7.602
Altre passività 1.319 1.601

I principali valori economici aggregati relativi alle quote del Gruppo nelle imprese a controllo congiunto valutate secondo il metodo del patrimonio netto sono i seguenti:

(in milioni di euro)

20132012
Ricavi netti 4.021 4.381
Utile/(perdita) della gestione ordinaria 213 230
Utile/(perdita) prima degli oneri finanziari e delle imposte (EBIT) 213 225
Utile/(perdita) ante imposte 175 200
Utile/(perdita) dell’esercizio 136 148

Al 31 dicembre 2013, i principali valori aggregati relativi alle quote del Gruppo nelle imprese collegate sono i seguenti:

(in milioni di euro)Al 31 dicembre 2013Al 31 dicembre 2012
Totale attività 404 294
Passività 293 218
(in milioni di euro)20132012
Ricavi netti 225 182
Utile/(perdita) dell’esercizio (28) (38)

I principali valori aggregati relativi alle quote del Gruppo nelle imprese collegate iscritte al costo sono i seguenti:

(in milioni di euro)Al 31 dicembre 2013Al 31 dicembre 2012
Totale attività 30 35
Passività 13 16

(in milioni di euro)20132012
Ricavi netti 47 48
Utile/(perdita) dell’esercizio 5 4

Acquisizioni e cessioni

Nel corso del 2013, il Gruppo non ha acquisito o ceduto partecipazioni in imprese controllate significative. Come precedentemente anticipato, in data 1° luglio 2013, attraverso i propri diritti di voto potenziali, il Gruppo Fiat ha acquisito il controllo del gruppo VM Motori, ai sensi dello IAS 27 – Bilancio consolidato e separato. La società, che era precedentemente valutata con il metodo del patrimonio netto, è stata consolidata con il metodo integrale a partire da tale data. Inoltre, alla stessa data, General Motors, che deteneva il 50% della partecipazioni in VM Motori, ha notificato a Fiat l'esercizio dell'opzione di vendita della sua partecipazione, subordinata all’approvazione delle competenti autorità antitrust. La transazione si è conclusa il 28 ottobre 2013 con il pagamento di un prezzo pari a 34,1 milioni di euro. Gli altri diritti di opzione esistenti a tale data sono decaduti senza essere esercitati. Al 31 dicembre 2013, il processo di valutazione dell’aggregazione aziendale è stato completato con il riconoscimento di un avviamento di 15 milioni di euro. Ove rilevanti, maggiori informazioni sui valori delle attività e passività acquisite e misurate al fair value sono fornite nelle specifiche Note, nelle Variazioni d’area di consolidamento.

Nel corso del 2012, il Gruppo non aveva acquisito o ceduto partecipazioni in imprese controllate significative. Si segnala peraltro che, nel mese di gennaio 2012, a seguito del verificarsi del terzo Performance Event (“Ecological Event”) previsto dal “Chrysler’s LLC Operating Agreement”, il Gruppo aveva acquisito un ulteriore 5% della partecipazione di Fiat in Chrysler, senza il pagamento di alcun corrispettivo monetario. La partecipazione al 31 dicembre 2012 era quindi pari al 58,5%.