Creare valore per gli stakeholder

Il progetto di integrazione industriale e culturale tra Fiat e Chrysler è proseguito nel corso dell'anno, trovando formalizzazione in apertura del 2014 nel completamento dell'acquisizione della restante quota del capitale di Chrysler Group LLC.

Il reciproco confronto tra le due realtà, la condivisione di competenze, risorse, progetti, sfide e ambizioni ha reso possibile un nuovo e definitivo posizionamento del Gruppo quale costruttore globale con un ruolo da protagonista tra i leader del settore.

img_9710.jpg

La formula che ha reso possibile questa epocale integrazione si è avvalsa, anche, della condivisione dei valori e dello spirito di un gruppo intenzionato a distinguersi non solo per l'eccellenza dei suoi prodotti, ma anche per l'integrità, la trasparenza e il senso di responsabilità nel condurre il proprio business.

Responsabilità per il Gruppo significa infatti essere fortemente impegnati, ogni giorno e lungo tutta la catena del valore, a perseguire obiettivi concreti e orientati alla generazione di valore per gli stakeholder.

La consapevolezza degli impatti che un grande gruppo industriale come Fiat e Chrysler insieme è in grado di determinare sui mercati finanziari, sull’ambiente e sulla collettività, costituisce il cuore del modello di responsabilità del Gruppo.

Una gestione responsabile del business richiede infatti di tenere in considerazione tutte le implicazioni che possono derivare da ogni scelta strategica, decisione presa o progettualità avviata. E ciò vale tanto più in uno scenario come quello contemporaneo, esposto a logiche sempre più competitive, con condizioni di mercato talvolta non sempre favorevoli e in presenza di rapide evoluzioni delle esigenze di mobilità espresse dai clienti.

Sostenibilità per il Gruppo Fiat è il modo di fare business che contribuisce a sfidare costantemente l’organizzazione in una logica di miglioramento continuo delle sue performance.

Negli anni, il modello di sostenibilità si è evoluto in piena sintonia con i cambiamenti aziendali, raggiungendo un elevato grado di articolazione ed estensione. Il processo di gestione della sostenibilità interessa ormai tutte le funzioni aziendali, grazie a un modello di responsabilità distribuita che, a partire dai vertici aziendali, coinvolge tutti i dipendenti, in ognuno dei 40 Paesi di presenza del Gruppo.

Per assicurare la generazione, nel lungo termine, di un valore reale e condiviso per gli stakeholder, il Gruppo è focalizzato in particolar modo su:

  • modello di governance fondato su trasparenza e integrità;
  • prodotti sempre più sicuri ed ecologici;
  • ampia offerta di veicoli nei diversi segmenti di mercato;
  • tecnologie economicamente accessibili e soluzioni innovative di mobilità;
  • comunicazione ed educazione dei consumatori;
  • gestione e sviluppo dei dipendenti;
  • condizioni di lavoro e diritti umani;
  • relazioni reciprocamente vantaggiose con i business partner e le comunità;
  • impatto ambientale dei processi produttivi e non produttivi.

Il Gruppo fornisce informazioni aggiornate e trasparenti relative agli impegni e ai risultati di sostenibilità attraverso molteplici canali, con particolare riguardo al sito web corporate e ai social media.

La specifica sezione dedicata alla sostenibilità inclusa nella Relazione Finanziaria Annuale 2013 prevede la trattazione dei temi risultati più significativi per gli stakeholder interni ed esterni del Gruppo. Resta inoltre a disposizione del lettore una più ampia trattazione di tutti gli impegni di sostenibilità sul Bilancio di Sostenibilità 2013 e sul sito interattivo del Gruppo.

Leader di sostenibilità

L'impegno a favore della sostenibilità è stato riconosciuto da parte di organizzazioni e indici noti a livello globale.

Nel 2013, per il quinto anno consecutivo, Fiat S.p.A. è stata confermata da RobecoSAM AG (gruppo specializzato in investimenti sostenibili) nei prestigiosi indici borsistici Dow Jones Sustainability Indices (DJSI) World e Europe ai quali accedono solo le società giudicate migliori nella gestione del proprio business secondo criteri di sostenibilità in ambito economico, sociale e ambientale. Il Gruppo ha ricevuto un punteggio (89/100), significativamente superiore al punteggio medio (61/100) conseguito dalle aziende del settore Automobiles.

Inoltre, per il secondo anno consecutivo, il Gruppo è leader indiscusso tra le aziende italiane per l’impegno e i risultati conseguiti nel contrasto ai cambiamenti climatici. Il Gruppo si è riconfermato come azienda leader negli indici CDP Italy 100 Climate Disclosure Leadership Index (CDLI) e Climate Performance Leadership Index (CPLI) 2013. Fiat ha conseguito il punteggio più alto (99/100) per la trasparenza nella comunicazione. Massimo punteggio (A), inoltre, per l’impegno dimostrato nell’abbattimento delle emissioni di anidride carbonica.

Sempre nel corso del 2013, il Gruppo Fiat è stato confermato negli indici Euronext Vigeo Europe 120 e Euronext Vigeo Eurozone 120, creati in collaborazione con il NYSE Euronext che classifica le società con le migliori performance di sostenibilità utilizzando un set di circa 330 indicatori.

Il Gruppo fa parte di molti altri importanti indici, tra i quali: ESI Excellence Europe, STOXX Global ESG Leaders, STOXX Global ESG Environmental Leaders, STOXX Global ESG Social Leaders, STOXX Global ESG Governance Leaders, ECPI Euro Ethical Equity, ECPI Emu Ethical Equity, ECPI Global Developed ESG Best in Class Equity, FTSE ECPI Italia SRI Benchmark, FTSE ECPI Italia SRI Leaders. Dal 2013 il Gruppo fa anche parte del Parks GLBT Diversity Index.

Indici